img_2985

TRIPS

LA PENISOLA DEL MANI, la perla del Peloponneso

16 Nov , 2016   Gallery

Il Mani è una sub-regione geografica e culturale della Grecia, che occupa il dito centrale del Peloponneso, nella Grecia meridionale.

La penisola si estende fra il golfo di Laconia ad est, e il golfo Messenico a ovest. Una bella strada tutta curve e tornanti permette di percorrerne tutto il perimetro.

Il periodo ideale per visitare questa regione è da aprile a ottobre

Il territorio nei secoli ha vissuto sanguinosi scontri tra i diversi clan, con gli abitanti costretti a costruire torri difensive per proteggersi dalle incursioni nemiche. Le quasi 800 torri, i villaggi di pietra, la vegetazione di ulivi e cipressi sono diventati il simbolo di questa terra ancora poco conosciuta anche agli stessi greci poiché non molto agile da raggiungere.

Cosa visitare SULLA COSTA OCCIDENTALE:

KARDAMILI

Kardamili è un villaggio marittimo davvero delizioso. Collocato su acque blu cristalline, maestosi cipressi, oliveti selvaggi, colline e distanti montagne innevate, è uno dei più graziosi villaggi del golfo Messiniaco

Un’esclusiva e piccola meta di vacanze ben preservata che vanta ville grandiose, casette in pietra, giardini rigogliosi, un piccolo porto e spiagge fantastiche.

AEROPOLOI

Incantevole cittadina, capoluogo della penisola del Mani, con gran parte del centro storico costituito da edifici in pietra, le famose case turrite e stretti vicoli caratteristici

A differenza di Monemvasia per esempio, Aeropoli è una cittadina “vissuta”, piena di localini, negozietti e taverne può esser il luogo ideale dove fare base per delle escursioni giornaliere.

Qui vi segnaliamo un Hotel che abbiamo provato e che abbiamo adorato: si chiama Antares Hotel ed è realizzato all’interno di un piccolo borgo in pietra immerso nella natura e con bella vista sul mare. http://antareshotel.gr

LIMENI

Limeni è forse il posto che ci è piaciuto di più. Si tratta di un micro-borgo di pietra situato in una baia dall’acqua turchese come una piscina. La situazione è idilliaca e la pace assicurata.

Camminate sulla sinistra guardando il mare fino al piccolo cimitero affacciato sul mare.

Qui a Limeni vi consigliamo vivamente di pranzare alla taverna di Takis, proprio sul mare. Il pesce è freschissimo e ve lo puliranno davanti.

Tutto è buono ma vi segnaliamo gli spaghetti rossi ai gamberi come una loro specialità.

 

LE GROTTE DI DIROS

Le grotte di Diros sono spettacolari e decisamente una delle cose da visitare se si va nel Mani.

Il percorso di visita si divide in due parti, la prima, la più entusiasmante, a bordo di imbarcazioni a remi sul lago sotterraneo, che si infiltrano in alcuni cunicoli dove sembra impossibile poter passare, circondati da stupende concrezioni che si specchiano nell’acqua limpidissima. La seconda con un breve tratto a piedi che conduce fino all’uscita sul mare. L’intera visita dura mezz’ora.

VATHIA

Vathia, uno dei villaggi più densi di case-torri, oggi è un paese fantasma visitabile assediato dai fichi d’India, accoccolato come allora su uno sperone roccioso da cui si domina il mare. Qualche anno fa si era tentato di trasformarlo in albergo diffuso: oggi rimangono i numeri sulle porte e qualche materasso dimenticato nelle camere.

 

GEROLIMENAS

Un piccolo borgo di pescatori con acqua bellissima dove vale la pena fermarsi per pranzo.

Non è un villaggio tradizionale perché non ha le case torri, si era sviluppato soprattutto per i commercio delle quaglie (che di qua passavano durante la loro migrazione). Qui, grazie anche al Kyrimai hotel, che porta turisti, si trova qualche taverna dove cenare.

Noi abbiamo mangiato da Petrino (vedi foto), una taverna sul mare, nata nel 1873, dove abbiamo gustato tra le altre cose un’ottima zuppa di pesce e siamo stati accolti molto cordialmente.

PORTO KAGIO

Questo è forse il luogo più tranquillo; si tratta di un micro porticciolo situato in una baia immersa nella natura del Peloponneso più profondo.

Akrotiri Rooms Restaurant con le sue 9 stanze accoglienti ma a prezzo contenuto, è il luogo ideale dove passare una vacanza veramente rilassante.

CAPO TENARO e LA SPIAGGIA DI MARMARI

Il capo Matapan (o Capo Tenaro) è un luogo importante da migliaia di anni. Nella mitologia greca una caverna qui situata era la casa di Ade, e gli Spartani costruirono in questo luogo diversi templi dedicati a vari dei. La visita a questo capo è assolutamente da fare per il bellissimo paesaggio fatto di insenature con acqua turchese e la camminata di 2Km a piedi che si può fare per raggiungere il piccolo faro.

Quasi arrivati al Capo ci si può rilassare qualche ora nella bella ed unica baia sabbiosa del Mani: Marmari.

Se desiderate potete anche pernottare nell’unica struttura esistente sulla spiaggia, il Marmari Paradise Hotel, con 18 stanze a prezzi raginevoli (80 la doppia d’estate).

Poco prima di arrivare alla spiaggia di Marmari vi segnaliamo una chicca di Hotel. Si chiama Tainaron Blue Retreat e conta solo 3 suites realizzate all’interno di una delle tipiche torri di pietra della regione affacciate sul mare con una piccola piscina a sbalzo – evidentemente uno dei posti più romantici del Mani. Il costo delle stanze è di circa 180 euro a notte. www.tainaronblue.com

 

Cosa visitare SULLA COSTA OCCIDENTALE:

GYTHEIO

Gytheio è una storica “città “, e porto nel Peloponneso nord, vicino alle rive del fiume Evrotas, a ovest di inizio del golfo laconico.

Dista circa 40 chilometri da Sparta di cui fu lo storico porto e dove, secondo la leggenda, trascorsero la loro prima notte Elena e Paride per poi imbarcarsi in fuga daMenelao.

Una prova dell’antica prosperità di Gythium può essere che i Romani vi costruirono un teatro, tuttora ben conservato e usato occasionalmente.

E ‘il primo porto più importante del golfo e la seconda a sud del Peloponneso, dopo Kalamata.

Il bordo sud della città è unito attraverso uno stretto molo con una piccola isola: antico Kranai o Marathonisi in cui si trova la torre della famiglia Tzanetakis.

In Gytheio ci sono molte taverne tradizionali ma anche caffetterie e ristoranti moderni. È inoltre possibile visitare le incantevoli spiagge.

 

, , , , , , , , , , , , , , , , ,

By



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *